considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

29 aprile 2013

doveva dirlo a me


Ieri mattina, capolinea deserto ...
A dire il vero, sbuca un tale dal nulla, sale ...

e inizia a lamentarsi ...
Del bus che non è passato, che a quest'ora cosa sarà mai successo, che non se ne può più, che ...
Lo interrompo:
"Io sono in orario perfetto, non so che dirle ..."
"ah beh, voi non sapete mai nulla"
"Scusi eh, ma se la prende con me se un bus che non è il mio non è passato ?"
"io non me la faccio mica con lei ..."
"ah no ?
il sospetto mi era venuto sa ..."
"no, no, lei non c'entra nulla, ma io a qualcuno dovrò pur dirlo ....
E dal momento che il suo collega non l'ho visto, lo dico a lei"

Acc ...
non un uomo ma un super furbacchione arguto !!!
... ehm ...
ma poi, quando lo hai detto a me cosa risolviamo ?
Chissà, magari sta gente penserà che noi si sappia chi conduce ogni bus, ad ogni ora del giorno ...
E si sia tutti vecchi e cari amici ...
Saranno mai sfiorati dal dubbio che tante volte ci si conosce giusto di vista o poco più ?
Al solito, tipo in età da pensione, mattino presto, ci si chiede che impegni improrogabili potesse avere ....
Probabilmente l'acquisto del pane fresco.
Poi dicono che la vita è stressante ...

0 commenti: