considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

7 novembre 2008

una triste storia



Avrei voluto scrivere il solito episodio leggero, semiserio, ironico, non fosse che ieri ho visto il collega verificatore sospeso.
La vicenda ormai è di dominio pubblico e anche quelli come me che non lo conoscono di persona, sanno esattamente chi è il protagonista di questa triste storia.
Era stato il protagonista involontario di un mio post, l’ho visto nel solito bar dove il personale si rifugia nei momenti di pausa dal lavoro, chi lo conosceva faceva le solite domande di circostanza (come stai ? tutto bene ?) lui cercava di mostrarsi tranquillo, ma si vedeva benissimo che non lo era.
Quando si è allontanato per gustarsi un caffè, la compagna ha confessato preoccupata ad alcuni conoscenti la gravità del momento (non fa che piangere a casa) e vi debbo confessare che sentire questo mi ha fatto venire i brividi …

Con il passare dei giorni è stato chiaro che la Sig.ra Serra ha scritto nelle sue lettere una parte dei fatti, omettendone altri importanti, la cosa non le fa onore ma del resto sul blog il post dedicato all’accaduto è variato nel titolo (e nell’immagine … prima c’era una vignetta su Hitler, sic) da “Kapo in fuga dal 3° reich si rifugia in ATC” in “Alice in Wonderland” e anche questo trovo non sia molto qualificante.
Il Collega ha sbagliato nella reazione certo, nessuno lo giustifica per quello che ha detto, penso che nel valutare i fatti sarebbe stato utile fermarsi un attimo per cercare di capire come mai aveva reagito così, non era certo la prima volta che incontrava dei rom, ci dovevano quindi essere quelle ragioni che pian piano stanno emergendo.

… ma il pubblico ufficiale non può dire certe cose …

Vero, però qui vorrei capire una cosa:
Il verificatore è un pubblico ufficiale solo nei doveri ?
E quando viene insultato lui, offeso, odiato, peggio PICCHIATO ?
Lì cos’è uno stronzo (e passatemi il termine) qualsiasi che deve solo subire perchè ha scelto consapevolmente quel lavoro ?
Non ce l’ha il diritto di essere anche trattato da pubblico ufficiale ?

Quando si scrivono certe lettere (la stessa a 2 giornali diversi ndr) bisognerebbe prima pensare alle conseguenze che potrebbero provocare:

Voleva giustizia la Sig.ra Serra ?


Sarebbe bastata la lettera all’azienda, scrivendo ai giornali era ovvio che si sarebbe innescata una reazione estrema;
l’azienda al centro delle critiche, era ovvio che avrebbe allontanato il dipendente prendendone le distanze, ma evidentemente alla Sig.ra Serra non bastava quella sospensione di qualche giorno, forse settimana, che sarebbe stata comminata al Verificatore se tutto fosse rimasto tra le mura aziendali.
No, lo scandalo doveva essere grande, fare rumore e la pena doveva essere esemplare …
Era ovvio anche questo …
ed ovviamente così è stato …

Ed ora cosa abbiamo ?
Un Italiano senza lavoro e un gruppo di Rom che scorazza felice per la citta.
Che problemi abbiamo risolto ?
Abbiamo vinto la lotta alla discriminazione ?

Illusa,
vai a chiedere cosa ne pensa il 95% dei cittadini, dei Rom …
Vieni sul bus e prova ad ascoltare cosa dice la gente ogni volta che ti approssimi alla fermata isolata dove sono in attesa dei Rom (nooo non fermarti … tira dritto !!!)
Vai a dire alla Sig.ra borseggiata sul bus che per aver discriminato dei Rom una persona ha perso il proprio lavoro e immagina la reazione …

I Rom non stanno simpatici a nessuno ...
… Questi aldilà del perbenismo di facciata sono i fatti …


Il collega starà maledicendo le sue stesse parole, ma pare che in un paese come il nostro dove nessuno è quasi mai colpevole, sia troppo difficile perdonarlo …
Auguro a lui di poter uscire da questa brutta situazione al più presto …

Mi consola il fatto che a leggere il blog della Sig.ra Serra, siano davvero pochi quanti ne condividono l’azione …
E poi che (va detto) la nostra modera gli interventi perché sennò sarebbero ben di più
Ne ho scritto uno anch'io, in forma anonima senza scrivere offese ma solo argomentando il mio pensiero contrario …
è stato censurato …
davvero curioso che a farlo sia proprio lei, nostra paladina anti discriminazioni ...

Il giorno che qualcuno mi dimostrerà che esistono dei Rom che vivono onestamente e senza delinquere ricalibrerò il pensiero;
ad oggi perdere il lavoro perché una signora ha scritto a due giornali riportando delle offese nei minimi particolari (omettendo completamente un'approfondimento sulle cause) rivolte a dei Rom, palesemente senza biglietto su di un bus …

Beh, mi sembra davvero un po’ troppo …
(mi si dirà "è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso" ... è che quella goccia non sarebbe mai dovuta cadere ... non in quel modo)

Importante ...
finalmente anche la versione del collega
(così che il quadro sia completo)

12 commenti:

zeneise ha detto...

Mi spiace molto per il vs collega.
Spero non diventi un capro espiatorio.
Penso che la signora Linda ostinatamente difenda la sua reazione per non soccombere ai sensi di colpa, che nemmeno lei volesse rovinare una famiglia e che abbia solo avuto pena dei bambini.
Almeno me lo auguro... :-(

AndyCapp ha detto...

@Zaniede il tuo commento presuppone che la Signora Linda abbia mentito ed il Verificatore no: se hai fatti che sostengano la tua teoria bene, senno sono questioni di lana caprina, come si suol dire.
Ma secondo me non è questo il punto.

A me pare abbastanza allucinante che una azienda prenda un provvedimento disciplinare discretamente grave (se ho capito bene sospensione ed inchiesta interna) basandosi su una lettera ad un giornale (e qui non voglio dare giudizi su chi l'ha scritta e perchè, è irrilevante).
Ogni dipendente è _patrimonio_ dell'azienda, ed è dovere di questa proteggerlo; e sono convinto che agli occhi del pubblico risulti più gradita ed abbia più ritorno d'immagine un azienda che protegga i suoi dipendenti di una che li sacrifica per salvare se stessa.
Francamente, della Grassi e delle sue me ne infischio, ma una risposta dell'ATC credo che sarebbe dovuta, per rispetto al dipendente e per rispetto ai clienti.

Cari signori,perchè ed alla luce di quali fatti il Signore in questione è stato ed è a tutt'oggi sospeso dell'esercizio delle sue funzioni?
Quali sviluppi sta portando la vostra inchiesta, dopo giorni e giorni dal fatto stesso?
Quando pensate di risolvere in maniera definitiva la questione?

Per me queste sono le domande a cui ATC dovrebbe rispondere pubblicamente nel più breve modo posssibile, e non solo genericamente "discostarsi dall'operato del dipendente" come da comunicato stampa.

zeneise ha detto...

Handycapp sono d'accordo con te... però il mio commento non presuppone quello che dici tu.
Non ho detto che la Signora Linda ha mentito...
Ho detto che mi auguro che lei sia davvero in buona fede, e che non abbia esagerato perchè si è presa una grande responsabilità.
Lei ha potuto dire la sua su un giornale il Verificatore no.
Come dici tu l'ultima parola apetta all'azienda e se permetti come dico io speriamo che il Verificatore non funga da capro espiatorio.

autistaxcaso ha detto...

Ragazzi, io resto della mia:
Si voleva denunciare l'episodio ?
Bastava scrivere direttamente all'azienda, ma che cosa c'entra la stampa ?

Serve solo ad alzare un grande polverone ...

A quel punto il dipendente diventa un capro espiatorio ...
E' difficile difendere pubblicamente una persona che discrimina pur con tutte le attenuanti e le giustificazioni del caso, molto più semplice prenderne le distanze ...

Evidentemente la pena doveva essere esemplare, poi le motivazioni bisognerebbe chiederle a chi ha scritto ...

ciao grazie per i commenti

ilmiomondomigliore ha detto...

Invito tutti a rendere pubblica l'intervista al controllore pubblicata oggi da Libero!

http://www.libero-news.it/pills/view/4544

autistaxcaso ha detto...

Ok, linkato in fondo al post ...
grazie per l'informazione

silviaaa ha detto...

hai detto bene tu, il giorno che mi dimostreranno che ci sono dei rom che non vivono rubando, riformulerò il mio pensiero.
non piacciono a nessuno.. e una ragione ci sarà!

silviaaa ha detto...

sto leggendo l'articolo di risposta del tuo collega.
allora aspetta, innanzitutto, rom o romeni?
romeni= abitanti della romania
rom= abitanti di nessun luogo (zingari)
io odio gli zingari, non i romeni.

la signora Serra multata precedentemente dallo stesso controllore è ovviamente una persona incivile in quanto non contribuisce al servizio pubblico usufruito pagando il biglietto e non obbedisce alla legge pagando le multe, è inoltre vendicativa (per via della multa subita) e palesemente in cerca di fama. probabilmente si è sentita molto vicina a quelle persone che dicevano: "il documento non te lo dò, non me ne frega niente". ecco perchè li ha difesi.
io penso una cosa.. già fare il controllore deve essere un lavoro duro visto che hai a che fare nella migliore delle ipotesi con persone che stai mettendo di malumore, e nella peggiore, gente che ci prova a fare il furbo o insulta e va in escandescenze.. onestamente non credo che i controllori abbiano voglia di darla vinta a chi gli mette i piedi in testa.. sai com'è? se capiscono che ce l'hanno vinta in quel modo, è pubblicità negativa anche per chi gli è intorno in quel momento. è ovvio che alla linda non interessa molto dell'incolumità fisica dei lavoratori.. a lei che gli frega? tanto lei ne è fuori!

AndyCapp ha detto...

@Silvietta: ci sono dei lavoro che "stanno sulle balle" per definizione: agente delle tasse, controllore, becchino...non te lo ordina mica il dottore di farlo eh ;)
Ci si può sempre dare a lavori socialmente più graditi, impiegato di banca, spacciatore di cocaina, astrofisico, assistente universitario.

Cio detto, il fatto che in italia ci siano tanti razzisti, come te, non autorizza ad avere atteggiamenti razzisti: voglio dire, se ti stanno sulle balle i rom problema tuo (a me stanno sulle balle i veneti, ad esempio), ma questo è diverso che tenere comportamenti scorretti verso un determinato gruppo di persone SOLO per la loro provenienza geografica o etnia.

Nello specifico pare però che non sia successo nulla, quindi siamo tutti razzisti e sereni come prima.

AndyCapp ha detto...

@silvia: sorry for, leggasi "tanti razzisti, come ME"

silviaaa ha detto...

effettivamente prima di arrivare alla correzione stavo persino quasi pensando che qualcun altro avesse scritto al posto tuo! ^_^

autistaxcaso ha detto...

x AndyCapp

"certi lavori non te lo ordina mica il dottore di farli"

va detto che non sempre si può scegliere, a volte le cose capitano all'improvviso e ti ritrovi in un attimo dentro realtà che mai avevi considerato.

Io 4 anni fa me ne stavo dentro ad un ufficio qualità e mai avrei pensato di fare un giorno l'autista di bus ...
Poi grazie a dirigenti scritteriati ed incompetenti
(anche quelli poi sì, ti assicuro che a ripensarli, "ti stanno sulle balle" ... scatenando pensieri di ogni sorta ... da censura ovviamente) l'azienda (storica)fallisce ...

Ed eccomi qui ...
a fare l'autista ...
perchè oggi, giusto dirlo, dell'esperienza di anni e anni che hai maturato sul campo non frega nulla a nessuno contano soprattutto i costi e si sa l'esperienza costa sempre ...
Mentre un apprendista giovane costa poco, magari fa beneficiare l'azienda che lo assume di sgravi fiscali e se lo addestri per bene riesce a fare cmq la sua onesta figura
(gli indispensabili e gli insostituibili non sono mai esistiti ... meno che meno oggi)

Così finisce che se vuoi trovare un lavoro un minimo stabile ...
Sei sempre te che ti devi adattare ...

Sono andato fuori tema, lo so, però ci tenevo davvero a puntualizzarla sta cosa.

ciao a presto