considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

13 maggio 2009

deja vu



Ieri chiacchiere con la collega che sta rientrando dopo la giornata di lavoro ...
Un po' che non ci si vede si parla delle solite cose:
Turni ...
Orari di Lavoro ...
soprattutto Ferie ...

si confida speranzosi in qualche giorno a casa, per rigenerarsi un po' e staccare (... le mani dal volante ...).
D'un tratto arriva un tale che ci interrompe:

"scusate, per via Marzabotto devo scendere alla prossima"
""
"grazie"

e se ne va ...
quel marcato accento toscano mi fa riflettere, confido alla collega che ho un vago sospetto di averla già vissuta giusto qualche giorno prima quella stessa scena.
Il tipo però pare affidabile, non sembra strano, eppure il dubbio resta ...
Ma probabilmente sì ....
sarà il bisogno di quelle ferie di cui si parlava prima ...
arriviamo al deposito e il dialogo si interrompe.
Oggi, scena quasi identica ...
ancora la collega che va verso il deposito, ci mettiamo di nuovo a parlare ...
Stavolta c'è anche un altro collega con noi, si parla del caldo di questi giorni, quando all'improvviso ...

"scusate per via Marzabotto devo scendere alla prossima"
"sì ..."
"grazie"

La collega scoppia a ridere, l'altro collega non capisce e ci chiede lumi ...
(magari pensando ... questi hanno davvero bisogno di ferie)

Ok avere la voglia delle ferie però non ero io quello andato ...
Lo confesso, sono sollevato, anche se magari un problema si porrà nei prossimi giorni visto che ho lo stesso turno per tutto il mese ...

Nel caso dovesse ritornare, ma chi ce la fa più a rispondere in tono serio e professionale ?

2 commenti:

girl68 ha detto...

che ti fanno guidare il 38 o il 19?
A me a certa gente verrebbe da dare le informazioni a rovescio.Provate a farlo scendere in via marzabotto non a bologna ma in quel di s.lazzaro!!

zeneise ha detto...

Succede.....
Delle volte certe situazioni sono come la peperonata...
Si ripresentano...
:-(
Buon WE a tutti