considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

20 aprile 2012

sfrontato



Colleghi ...
quando ci stavo a gomito ogni giorno in ufficio, mediamente non li sopportavo.
Oggi invece, ci sono tanti colleghi che è un piacere incontrare.
Passano giorni a volte settimane in cui non ci si vede, ma poi il caso ti fa sempre ritrovare alla fermata a prendere un bus che ti porti verso il centro o in direzione deposito alla fine del turno.

Ieri trovo un paio di colleghi che da una vita non vedevo.
Chiacchiere, risate e un aneddoto divertente raccontato da uno di loro ...
Un single incallito che ogni volta che vede donne che gli piacciono, butta là una battuta.
Succede che la signora piacente si avvicina e gli chiede se può scendere davanti, lui la guarda un po' così poi le dice:
"Signora, per scendere da qua mi deve offrire almeno 2 caramelle".
Lei non si scompone, inizia a cercare nella borsa;
rovista un po' e trova l'obolo per il conducente, lui ringrazia e apre mentre lei sorridendo scende.
Il bus è quasi vuoto (siamo su una linea extraurbana), ci sono giusto un paio di ragazzini; 
poco dopo uno dei due commenta all'altro:
"non è che questo per farci scendere vuole delle caramelle pure da noi ?"

Spettacolo ...
mi ha detto di farsi vere e proprie merende gentilmente offerte dai passeggeri.
Caramelle, cioccolatini, mandarini, i suoi viaggi sono spesso ricchi di doni ...
(fermo restando che se lo facessi io ...
ho l'impressione che al posto dei gentili omaggi, riceverei delle sdegnate borsettate in fronte)

1 commenti:

S ha detto...

mah, sono più impicci che guadagni!