considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

25 ottobre 2012

google maps

  
 


Oggi sale una ragazza;
sulla trentina, chiede come raggiungere la rotonda taldeitali.
Il fatto è che siamo un po' fuori zona, così mi prodigo più del dovuto per aiutarla.
In pratica, le propongo di restare fino al capolinea dove interromperò la corsa per rientrare in deposito.
Lei, resterà con me a bordo fino appunto al fronte del deposito dove, in pratica, sarà arrivata a destinazione.
Giusto ancora quei due passi a piedi da percorrere in qualche minuto ...
Sono li che gongolo tra me e me fiero di aver risolto una questione abbastanza complessa
(le alternative erano una lunga scarpinata o il ritorno verso il centro per cambiare linea) che pensierosa mi dice:
"ma a che ora arriveremo ?"
sono le 09:40 circa, dico lei che per le 10 ci saremo e questa mi gela:
"è che ho un appuntamento e dovrei arrivare prima"
(muoversi prima capendo dove si deve andare, no ?
poi a sto punto, come ci arrivi prima ?)
Faccio presente le alternative e mentre le sto dicendo che se torna in centro, altro che 20 minuti, così pure come scegliendo di andare a piedi, mi interrompe:
"Ho Google Maps, qui mi dice che se taglio di lì, poi vado su di là non dovrei metterci tanto ...
Direi che scendo alla prossima"

Sì, sì, io non voglio mica insistere, fai pure ...
che se lo dice google maps siamo tutti sereni ...
peccato che certi strumenti occorrerebbe poi anche saper usarli ...

Vado al capolinea e al ritorno a vuoto, mi guardo attorno cercandola ...
la scorgo alle 09:58 neppure a metà strada, con lo sguardo fisso sullo schermo, ma del resto almeno una mezzoretta era da mettere in preventivo muovendosi a piedi.
La mia parte cattiva vorrebbe pure strombazzare mentre la sfilo, così, giusto per stare in allegria e sottolineare la scelta vincente, magari per una prossima volta la lezione sarà chiara, ma poi ...

Ma poi chissenefrega ...
Dice il proverbio "chi fa di sua testa, paga di sua tasca" e tanto direi che basta, senza infierire ...
(Chissà che la prossima volta non si prenda la briga di scaricarsi anche una app che riesca a calcolargli i tempi di percorrenza a piedi ...
Così la integra a google maps ed eviterà certe camminate ...
C'è sempre qualcosa da imparare dalla vita di tutti i giorni ...)

Ps:
nella foto, evidenziato il percorso da fare a piedi (2,5 km, tempo stimato 34 minuti)
in verde il punto dove si trovava quando l'ho sfilata e sempre in verde, il tratto che avrebbe dovuto percorrere se fosse venuta con me ...

2 commenti:

Shunrei ha detto...

Un genio, niente da dire!
Del resto, come dice il proverbio: "Chi non ha testa, abbia gambe"...

stella erratica ha detto...

oggi ti ho pensato.
pieno centro, pensiline dove passano tanti bus. cortei vari si odono in più o meno lontananza. vedo bus andare in direzioni non consuete.
arriva il mio, salgo, sale un omino dell'azienda di trasporti che segnala che il percorso viene cambiato totalmente pur arriavndo al capolinea. per cui chi deve scendere prima, deve fare un pezzo a piedi.
scende l'omino, qualcuno va dall'autista a chiedere lumi (ne sa quanto noi, più o meno, ma con l'esperienza ha capito il da farsi) e poi il bus parte, nella direzione non consueta. gente che si lamentava dopo esser cascata dal pero.
tsk.