considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

7 gennaio 2009

sindrome da cioè



Ma …
È una mia impressione o è in atto un abuso di cioè ?
Cioè ? direte voi …
Ma sì, il cioè, l’avverbio di modo …
A me pare che le persone quando non sanno come continuare la frase …
Ci infilano un cioè
Quasi fosse un rafforzativo del pensiero ….

Una pausa di riflessione nel discorso ?
Quel fatto da ricordare ?
Sì … cioè ...

che poi spesso diventa quasi un “cwè” mangiato nella pronuncia …

vi rendo partecipi di alcuni stralci di una conversazione ascoltata mio malgrado oggi sul bus …

Sì sto arrivando, cioè sono sul bus …
Cioè stai a sentire
Ho pensato che, cioè, visto che abita così lontano inutile farlo venire fin qui
Cioè dimmi anche tu, ho fatto bene ?
Cioè a me sembrava logico Cioè povero … (…)
Cioè, però non ho capito una cosa, quando la dobbiamo consegnare quella cosa ?
Cioè sì però con calma …
Cioè con tutto quello che c’è da fare (…)

E potrei continuare con altri, tanti, cioè
Ne ho contati 30, poi visto nella discussione venivano inseriti “quasi piovesse” (o per meglio dire oggi, quasi nevicasse) ho perso il conto …
Fiumi di cioè e mica detti da ragazzini svogliati e carenti in grammatica …
Macchè, da una donna che dal modo in cui si atteggiava doveva essere pure responsabile di qualcosa ….
cwè, cwè, cwè” raffiche di cioè sparati ogni 2-3 secondi …

Che voglio dire …
E articolarlo semplice, comprensibile e lineare il discorso ?
Troppo povero senza dei cioè ?

Mah, essere autista significa anche, se sai cogliere ed ascoltare, essere spettatore dell’evoluzione linguistica nazionale e io ormai non ho più dubbi …
Un caxxo lo si infila ormai ovunque, però se si potesse fare un conteggio delle parole più pronunciate ogni giorno in Italia, il cioè svetterebbe irraggiungibile …

E Cioè, sai che roba ...

0 commenti: