considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

18 marzo 2009

sciopero virtuale ?




Oggi dopo un po’ di quiete un nuovo sciopero …
Stavolta sacrosanto nelle motivazioni verrebbe da dire …

Sta storia dello “sciopero virtuale” è davvero grottesca;
uno farà sciopero però dovrà lavorare …
Poi verranno devolute le ore di mancata retribuzione per scopi socialmente utili …

Ora, a parte che la beneficenza vorrei farla, eventualmente e come tutti gli altri cittadini italiani, in autonomia quando e come mi pare …
Ma se proprio si è deciso che il trasporto pubblico non potrà più venire meno.
Che lo si dica papale papale:

Voi, da oggi non potete più fare sciopero

Senza nascondersi dietro sta pantomima dello sciopero virtuale che è una roba tutta all’italiana.

Mi togli lo stipendio …
Però non mi togli la possibilità di protestare …
come dire, diritto salvo, magari giusto un po' limitato in nome della collettività (pretesto popolare)
Bene, bravi, soprattutto perché tra lavorare a gratis e lavorare retribuiti … Con i tempi che corrono le persone cosa sceglieranno mai ???
(davvero un'ottima trovata per raggiungere indirettamente lo scopo)

Mi fa piacere un fatto …
Coloro che mi chiedevano perché scioperavamo hanno capito queste motivazioni …
E alcune persone hanno pure incitato a non mollare quel diritto sacrosanto che è lo sciopero …
Tutti, devo dire forse per la prima volta, hanno lasciato il bus in silenzio senza le solite lamentele spesso plateali…
Che poi tutti...
Meno la tardona ingioiellata come la madonna dell’incoronata che invece si è lamentata e del resto …
la classica eccezione che conferma la regola non manca mai …
E’ scesa al grido di
è una vergogna !

Ma secondo me, le cose di cui vergognarsi sono ben altre …
(e mai come nel caso di oggi)

0 commenti: