considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

19 marzo 2012

120 secondi



Una lettera che secondo me descrive egregiamente la frenetica società in cui viviamo.

Raccontiamola bene:
Uno esce dall'ufficio verosimilmente alle 18:45
(ce ne sono in quantità di uffici, a ridosso della fermata citata) 
e si infastidisce se perde un bus che transita 3 minuti dopo ...
Detto che secondo me, con tempi così stretti è un mezzo miracolo quando si riesce a prenderlo, ci si lamenta di 2 minuti.

120 secondi ...

Con questo largo e vergognoso anticipo sarebbe ripartito il disgraziato collega.
(che se si riconoscesse ...
non si offenda eh ...
è tutto molto ironico)
Domanda:
Quale sarebbe poi l'orario che fa fede ?
Quello personale dell'orologio/smartphone ?

Chissà ...
confesso che a volte il mio orologio non è sincronizzato con quello aziendale visualizzato sul sistema di bordo e (udite udite) se la discrepanza è di 1/2 minuti ...
Io prendo sempre per buono quello dell'azienda
(del resto, perchè dovrei prendere per buono il mio personale poi ?)
Alcuni colleghi mi hanno raccontato di come anni fa, l'orario ufficiale dei bus fosse (giustamente) quello aziendale;
tutti l'accettavano e nessuno ha mai generato discussioni.
(come passano i tempi ...
oggi mediamente invece si contesta qualunque cosa)

Detto tra noi ...
mi sembra di stare a parlare di nulla ...
120 secondi appunto, che sono poco più di un attimo ...
Eppure, c'è chi si prende la briga di scrivere lettere ai giornali.

Vuoi essere sicuro di prendere il treno tutte le sere ?
Organizzati per tempo, una mezzoretta credo sia il tempo corretto per evitare inconvenienti.
Se esci all'ultimo, 3 minuti prima, non puoi lamentarti se perdi un bus ...  
(soprattutto perchè le coincidenze bus/treno ...
sono solo nella testa di chi pensa di averle perse)

2 commenti:

Simone ha detto...

Autista il tuo discorso non fa una piega però c'è un però...
Ogni tanto è frustrante sapere che il bus che vuoi o devi prendere passa ad esempio alle 19.48 e tu che arrivi alla fermata alle 19.46 lo vedi che è già passato oltre e magari devi aspettare altri 10 minuti quello successivo che se poi ritarda i minuti aumentano e non sempre è piacevole rimanere sotto la pensilina,vuoi per il freddo o per la gente..
Tutto ciò mii è capitato alcune volte e l'orario di riferimento l'ho letto sul display di ATC posto nella fermata,quello che segnala i tempi di attesa.Certo sicuramente 2 minuti sono un margine troppo basso e forse bisognerebbe essere almeno 5 minuti prima in fermata.certo che da qui a scrivere su un quotidiano...

autistaxcaso ha detto...

2 minuti sono troppo pochi ...
Io se ho un impegno inderogabile, minimo 5 minuti prima sono in fermata (e sottolineo, minimo)
Non credo di essere unico ...