considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

7 marzo 2012

svampite


Oggi sto per arrivare al capolinea che è sito nel piazzale antistante l'ospedale.
Le persone che sono a bordo, si avvicinano all'uscita;
faccio la fermata che tra l'altro per dar modo di scendere a tutti è anche abbastanza lunga, ma salto la sosta vera e propria, essendo in ritardo di una decina di minuti.
Noto 2 donne che restano a bordo ...
una è attempata ma l'altra di mezza età (madre e figlia ?) parlano tra loro anche se non capisco bene di cosa ...
Poi, quando l'ospedale è ormai lontano vedo la più anziana che si avvicina:

"scusi, per l'ospedale ?"
"signora, ci siamo già stati all'ospedale, doveva scendere due fermate fa"
"ma come ?
lei non si è mica fermato !"
"fermato no ...
ma la fermata l'ho fatta"
"è sicuro ?"
"beh certo eh signora"

Ritorna dalla giovane, si consultano, vedendole un po' smarrite, suggerisco semplicemente di scendere alla fermata successiva e di attraversare la strada ...
Con il bus della stessa linea ritorneranno al capolinea di fronte all'ospedale.
Mi ringraziano, scendono e chissà se hanno seguito il consiglio o si sono incamminate a ritroso a piedi
(alternativa interessante ...
non fosse che 2 così potrebbero pure essersi perse)

Svampite ...
poi passi per l'anziana, ma l'altra ?
(io capisco che magari ti avevano detto di scendere dove il bus si fermava, posso capire pure essere fuori zona, ma il parcheggio con tante auto, un bus che si svuota completamente e personaggi che si aggirano in zona con camici bianchi/verdi ... 
"il campanellino" dovrebbero farlo suonare  ...)

1 commenti:

Cassiera in bilico ha detto...

in due non ne facevano una, in poche parole!!