considerazioni semiserie di un conducente di bus ...

17 febbraio 2012

orizzontarsi

 


Ieri, grande classico:
arriva una nonna a chiedere quanto già sa ...
Deve andare nel noto negozio, io le indico le coordinate
(deve prendere il bus ma nella direzione opposta, poi scende ecc ecc) e la nonna mi guarda stranita:
"ma come non è più avanti vicino ai magazzini pincopallo ?"
In quel momento in effetti ricordo che distrattamente, avevo letto da qualche parte si era trasferito, ma il solito pensiero che mi ronza in testa è:
Ma se già lo sai, cosa mi chiedi a fare ?
Correggo il tiro e le chiedo se sappia la zona dove si trova, ma questa ribatte fornendomi come riferimento il nome di altri negozi
(che per la cronaca, passi se mi chiedi di andare nella tal via ...

ti concedo a grandi linee la zona ...
ma se i riferimenti sono solo altri negozi potrebbe pure essere io non li conosca).
Per fortuna troviamo un'altra signora che sa la via e risaliamo alla zona.
"dovrà scendere tra 2 fermate"
"beh, spero che poi riuscirò ad orizzontarmi"

Voce del verbo orizzontare ...
sono tante le persone che si orizzontano sui bus
(ci feci pure un altro post) forse perchè uno guarda l'orizzonte, con la mano tesa a ripararsi dal sole e capisce dove si trova;
magari guardando verso oriente ...

(ci ricamo un po' su ma quando sento quello con problemi ad orizzontarsi, mi vien sempre da ridere ...)

1 commenti:

S ha detto...

di' alla nonna la prossima volta di portarsi una bussola e di notte seguire la stella polare. funziona sempre.